Il Diario di Tinton











http://elzizi.brillig.org/texts-from-the-russian-on-events-in-the-ukraine/

Advertisements


Location Services Screen Shot

Location Services Screen Shot

Update: Coincidentally, a few weeks after i posted this entry, the new update of iOS removed this behaviour.

Have you ever noticed? To turn off Location Services, there is this BIG RED button, (which is rarely used throughout the iPhone, maybe just for those critical things, like reset the iPhone to factory settings) asking for confirmation, but to turn it on, swoosh it goes, right ahead, without asking for anything.

What’s up with that?

Aggiornamento: Per pura coincidenza, proprio qualche settimana dopo aver pubblicato questo, l’aggiornamento di iOS ha rimosso il comportamento bizzarro discusso qui sotto.

Lo hai mai notato?

Per spegnere le Location Services, l’iPhone chiede conferma facendo un di un GRANDE BOTTONE ROSSO (che viene usato molto raramente, giusto solo per quelle operazioni ad alto rischio, come la re-impostazione ai valori di fabbrica, cancellando quindi tutti i dati), ma per accenderle, si accende subito, senza chiedere nulla.

Sai mica il perché?



{2014-02-20}   Not Guilty

20140220-103133.jpg

Ads like these could be illegal, in my opinion. Not only for the content of the ad per se, also for promoting anti-ethical behavior: it’s a message saying “it’s ok not to be ethical, you can do it too, and you won’t suffer from negative consequences”. The same message comes across by the fact that there is an agency that is willing to help such behavior by posting billboards around Chicago. So the reader looks at it, and thinks “well then maybe it’s not that bad after all…” even if his/her conscience tells them otherwise.



{2013-12-09}   Gravity

Visto in inglese in 3D  in Stati Uniti, suggerito da varie persone qui, tutte ne hanno parlato molto bene.

Durante il film ero sicuramente molto teso e molto coinvolto: il film non è carente di suspence. A fine film sono rimasto un po’ deluso dalla storia, in quanto me lo aspettavo più profonda, con più significato. Quando sono uscito dal cinema con la netta sensazione di aver appena vissuto l’esperienza più vicina alla vita di un cosmonauta dalla mia vita, ho capito perché tutti ne parlavano così bene. I dettagli tecnici sono molto ben fatti, e molto azzeccati, almeno più di molti altri film che ho visto. Un film molto informativo.

Il finale è interessante, in quanto, dopo essere riuscita ad arrivare sulla terra, il film suggerisce che ce l’ha fatta, mentre invece si trova praticamente nuda, in un angolo del pianeta del quale non conosce le coordinate (non ha idea dove si trova) e senza che qualcuno sappia dove sia (alla radio è difficile da sentire Houston che dice che ha fatto partire una missione di soccorso, l’ho scoperto solo dopo aver fatto un po’ di ricerca su internet). Quindi lascia spazio per riflettere.

Interessanti le metafore sulla rinascita, che potrebbero aiutare un pubblico disconnesso dalla realtà, a riflettere su se stessi. Il messaggio è importante e per questo, anche se già affrontato in tutte le salse, è sempre benvenuto.



{2013-10-22}   JTAG Flashing a CM5000

JTAG Flashing via unbuffered Xilinx DLC5 Cable III a CM5000 processor

20131022-231223.jpg



{2013-09-13}   Phoneblocks

From http://phoneblocks.com:

“Everyday we throw away millions of electronic devices, because they get old and become worn out. But usually it’s only one of the components that causes the problem. The rest of the device works fine but is needlessly thrown away. Simple because electronic devices are not designed to last. This makes electronic waste one of the fastest growing waste streams in the world. And our phone is one of the biggest causes.

See the video presentation and home page.

The concept is great! I really like the idea of repairable hardware. While it is important for all of us to participate, it is also just as important to do so with the awareness that this is most likely not going to materialize. The reason why i’m expressing this opinion is to prevent discouragement, and here’s what i mean.

We find ourselves now in an era of disposable hardware. The era of repairable hardware has passed a few decades ago. Most hardware vendors are exploiting the planet to be able to deliver cheap hardware, which is very hard to repair, hence encouraging replacement over maintenance. It’s more profitable for them, however it’s not sustainable at a planetary level. For this reason, and because of the law of impermanence, this will have to change again. So we will enter a new era or repairable hardware at some point again, there is no question about that. The unknown is when.

So the proposed 29th of October blast will not materialize in anything physical or concrete. At the same time it will be a first move toward the new era. Manufacturers will start to read of this blast in the news, and, while they will most likely not act upon it in any way, the seed will get planted. And blast after blast, news article after news article, CEO after CEO, eventually the necessity will become so normal, so natural, that manufacturers will naturally start to move towards more expensive repairable hardware again.

So this is why it is important to participate, while at the same time being prepared and avoiding disappointment and discouragement. Let’s just keep making our voices heard, without expecting them to be heard, persistently, ardently, patiently. The law of nature is such that sooner or later, we are bound to succeed.

Da http://phoneblocks.com:

“Ogni giorno buttiamo via milioni di oggetti elettronici, perché sono diventati vecchi e consumati. Nella maggior parte dei casi, però, la causa del problema si limita ad un singolo componente. Il rimanente del dispositivo funziona bene, ma viene gettato via lo stesso, semplicemente perché i dispositivi elettronici non sono studiati per durare. Questo fa sì che i rifiuti elettronici siano diventati uno dei flussi di rifiuti più rapidamente in crescita al mondo. E il nostro cellulare è uno dei motivi principali.

Vedi  il video e visita la home page.

Il concetto è fantastico! Adoro l’idea di dispositivi riparabili. È importante per tutti noi interessati partecipare, ed è altrettanto importante farlo con la consapevolezza che molto probabilmente in apparenza non andrà da nessuna parte. Il motivo per esprimere questo punto di vista è per prevenire di scoraggiarsi, ed qui spiego cosa intendo dire.

Ci troviamo ora come ora in un’epoca di dispositivi usa e getta. L’epoca dei dispositivi riparabili è terminata da qualche decina d’anni. La maggior parte dei produttori sfrutta le risorse del pianeta (mano d’opera, materia prima e smaltimento rifiuti) in modo da poter vendere sottocosto oggetti che sono molto difficili da riparare, incoraggiandone, così, la loro sostituzione. Sicuramente gli rende di più, ma allo stesso tempo non è una procedura sostenibile a livello planetario. Per questo motivo, e per la legge dell’impermanenza, questo dovrà cambiare di nuovo, e quindi entreremo prima o poi in una nuova era di dispositivi e oggetti riparabili. Mentre non c’è dubbio su questo, la domanda che rimane è quando accadrà.

Quindi la proposta di farci sentire tutti assieme il 29 Ottobre 2013 non si materializzerà in qualcosa di tangibile o concreto. Però si tratterebbe di uno dei primi movimenti in direzione della suddetta nuova epoca. I produttori cominceranno a leggere di questo evento sui notiziari (web, cartacei o TV che sia) e mentre molto probabilmente non li prenderanno in considerazione, il concetto verrà seminato. E così dimostrazione dopo dimostrazione, articolo dopo articolo, CEO dopo CEO, prima o poi questa idea diventerà così naturale per tutti, che si trasformerà in necessità, e dunque i produttori cominceranno a soddisfare le richieste riprenderanno a produrre apparecchi elettronici più costosi, ma riparabili.

È per questo che ritengo importante partecipare a questa dimostrazione, e allo stesso tempo farlo con la consapevolezza di non aspettarsi nulla, in modo da evitare frustrazione e scoraggiamento. Continuiamo pazientemente a ardentemente  a farci sentire, senza aspettarci di essere sentiti: prima o poi dovremo avere successo. Così è la legge della natura.



Filmato in inglese con sottotitoli in italiano.

Eben Bayer: i funghi sono la nuova plastica?



logo multiplus fidelidade

Embora os emails que recebo do endereço Multiplus <comunicacao@multiplusfidelidade.com.br> de promoções tenhas o link “Se você não deseja mais receber nossos e-mails, cancele sua inscrição aqui.”, clicando por aí, chego em um site bonitinho que me da a possibilidade de cancelar a minha inscrição.

Tudo beleza.

Detalhe: já cancelei umas 6-7 vezes e continuo recebendo…

Multiplus Fidelidade chegou com meu endereço email através da linha aérea TAM. Desconfiam de endereços email deixado com TAM ou com Multiplus Fidelidade.



English: Logo of PayPal. Español: Logotipo de ...

English: Logo of PayPal. Español: Logotipo de PayPal. Русский: Логотип системы PayPal. (Photo credit: Wikipedia)

I have a PayPal account, and when i go in the Statements section, they only have a history of the past 3 months of Statements, forcing me to download them. I have noticed several such limitation with accounts i have with other banks. Maybe not 3 months, but 2 years, or 3 years.

In the digital era we are in today, this makes no sense at all. PDF’s take up so little space, that banks could easily store all statements that were generated for that customer. And even if storage is an issue, PDF’s can be generated on the fly, per request! So assuming the bank institution keeps records of all transactions of a given account, they system could produce a PDF for a statement that was issued 5 or 10 years ago.

I don’t understand this limitation, and i feel weird about it. Anyone else with a similar sensation? Anyone know more about this?

Ho un account con Paypal e nella sezione degli estratti conto, vedo solo gli ultimi 3 mesi. Sono quindi obbligato a scaricarmeli ogni tanto, e salvarmene una copia per conto mio. Ho notato limitazioni simili anche per conti che ho con altre banche. Magari posso andare indietro di 2 o 3 anni, ma mai per tutta la vita del conto.

Questo non ha più senso nell’epoca digitale in cui ci troviamo. I file PDF occupano così poco spazio che le banche potrebbero tranquillamente archiviare tutti gli estratti conto di tutti i clienti (e probabilmente lo fanno). Inoltre, se anche lo spazio fosse un problema, con la tecnologia di oggi, non è molto complicato generare PDF su richiesta. Il che vuol dire che il sistema potrebbe generare l’estratto conto di 5 o 10 anni fa.

Non capisco, e mi sento un po’ strano riguardo questa limitazione. C’è qualcun altro che la pensa come me, o che ne sa qualcosa?



This page has been moved to https://wiki.afm.co/x/SAI0Ag

 



et cetera
%d bloggers like this: