Il Diario di Tinton











{2011-06-03}   King’s Speech

Film su King George VI e il suo rapporto con Lionel Logue mi ha lasciato con la voglia di sapere di più sulla famiglia reale, così mi sono letto un po’ di pagine su wikipedia ed ho imparato che il figlio di George era proprio Queen Liz II, madre di Charles, che si sposò con Diana, ecc. ecc.

Mi ha ricordato un po’ “Mein Führer – Die wirklich wahrste Wahrheit über Adolf Hitler” dove Adolf Grünbaum è stato assunto da Goebbels per ridare forza a Hitler, e gli preparava, in parte, i suoi discorsi. Anche qui, il logopedista era una persona comune, non era neanche un dottore.

Bello il modo in cui il logopedista convince il re dell’efficacia della sua terapia, registrandolo mentre legge un testo senza riuscire a sentire la propria voce (con in cuffia, molto alta, della musica). Il re poi, ascoltandosi a casa, e accorgendosi di non aver balbettato neanche una volta, guadagna nuove speranze per la sua guarigione. Il che mi ha subito posto il quesito di come mai, durante i suoi discorsi in radio e dove non era necessaria la sua immagine, non abbia utilizzato la stessa tecnica.

Il logopedista ci teneva tanto ad avere un rapporto umano, e questa è una cosa che mi è piaciuta molto, perché è quello che cerco di fare anche io.

Mi è piaciuto molto anche il rapporto tra il Principe Edward e la sua amata Wallis Simpson: dapprima, essendosi sposata già 2 volte prima, sembrerebbe che il suo sia un piano per poter diventar parte della famiglia reale, mentre invece, ha permesso ad Edward di abdicare e di rinunciare alla famiglia reale, rimanenti al suo lato fino alla morte.

Mi ha anche fatto piacere Churchill rappresentato in un film: ho visto pochi film in cui ci fosse la rappresentazione di Winston. La scelta dell’attore non era tra i migliori, dal punto di vista estetico, mentre invece Queen Elizabeth da piccola è stata scelta molto bene.

In generale, un film storico, che consiglio a tutti, in quanto lascia un insegnamento storico, utile per tutti, anche se certi fatti sono stati leggermente modificati per drammatizzare di più e rendere il film più emozionante.

Advertisements


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

et cetera
%d bloggers like this: