Il Diario di Tinton











{2013-09-13}   Phoneblocks

From http://phoneblocks.com:

“Everyday we throw away millions of electronic devices, because they get old and become worn out. But usually it’s only one of the components that causes the problem. The rest of the device works fine but is needlessly thrown away. Simple because electronic devices are not designed to last. This makes electronic waste one of the fastest growing waste streams in the world. And our phone is one of the biggest causes.

See the video presentation and home page.

The concept is great! I really like the idea of repairable hardware. While it is important for all of us to participate, it is also just as important to do so with the awareness that this is most likely not going to materialize. The reason why i’m expressing this opinion is to prevent discouragement, and here’s what i mean.

We find ourselves now in an era of disposable hardware. The era of repairable hardware has passed a few decades ago. Most hardware vendors are exploiting the planet to be able to deliver cheap hardware, which is very hard to repair, hence encouraging replacement over maintenance. It’s more profitable for them, however it’s not sustainable at a planetary level. For this reason, and because of the law of impermanence, this will have to change again. So we will enter a new era or repairable hardware at some point again, there is no question about that. The unknown is when.

So the proposed 29th of October blast will not materialize in anything physical or concrete. At the same time it will be a first move toward the new era. Manufacturers will start to read of this blast in the news, and, while they will most likely not act upon it in any way, the seed will get planted. And blast after blast, news article after news article, CEO after CEO, eventually the necessity will become so normal, so natural, that manufacturers will naturally start to move towards more expensive repairable hardware again.

So this is why it is important to participate, while at the same time being prepared and avoiding disappointment and discouragement. Let’s just keep making our voices heard, without expecting them to be heard, persistently, ardently, patiently. The law of nature is such that sooner or later, we are bound to succeed.

Da http://phoneblocks.com:

“Ogni giorno buttiamo via milioni di oggetti elettronici, perché sono diventati vecchi e consumati. Nella maggior parte dei casi, però, la causa del problema si limita ad un singolo componente. Il rimanente del dispositivo funziona bene, ma viene gettato via lo stesso, semplicemente perché i dispositivi elettronici non sono studiati per durare. Questo fa sì che i rifiuti elettronici siano diventati uno dei flussi di rifiuti più rapidamente in crescita al mondo. E il nostro cellulare è uno dei motivi principali.

Vedi  il video e visita la home page.

Il concetto è fantastico! Adoro l’idea di dispositivi riparabili. È importante per tutti noi interessati partecipare, ed è altrettanto importante farlo con la consapevolezza che molto probabilmente in apparenza non andrà da nessuna parte. Il motivo per esprimere questo punto di vista è per prevenire di scoraggiarsi, ed qui spiego cosa intendo dire.

Ci troviamo ora come ora in un’epoca di dispositivi usa e getta. L’epoca dei dispositivi riparabili è terminata da qualche decina d’anni. La maggior parte dei produttori sfrutta le risorse del pianeta (mano d’opera, materia prima e smaltimento rifiuti) in modo da poter vendere sottocosto oggetti che sono molto difficili da riparare, incoraggiandone, così, la loro sostituzione. Sicuramente gli rende di più, ma allo stesso tempo non è una procedura sostenibile a livello planetario. Per questo motivo, e per la legge dell’impermanenza, questo dovrà cambiare di nuovo, e quindi entreremo prima o poi in una nuova era di dispositivi e oggetti riparabili. Mentre non c’è dubbio su questo, la domanda che rimane è quando accadrà.

Quindi la proposta di farci sentire tutti assieme il 29 Ottobre 2013 non si materializzerà in qualcosa di tangibile o concreto. Però si tratterebbe di uno dei primi movimenti in direzione della suddetta nuova epoca. I produttori cominceranno a leggere di questo evento sui notiziari (web, cartacei o TV che sia) e mentre molto probabilmente non li prenderanno in considerazione, il concetto verrà seminato. E così dimostrazione dopo dimostrazione, articolo dopo articolo, CEO dopo CEO, prima o poi questa idea diventerà così naturale per tutti, che si trasformerà in necessità, e dunque i produttori cominceranno a soddisfare le richieste riprenderanno a produrre apparecchi elettronici più costosi, ma riparabili.

È per questo che ritengo importante partecipare a questa dimostrazione, e allo stesso tempo farlo con la consapevolezza di non aspettarsi nulla, in modo da evitare frustrazione e scoraggiamento. Continuiamo pazientemente a ardentemente  a farci sentire, senza aspettarci di essere sentiti: prima o poi dovremo avere successo. Così è la legge della natura.

Advertisements


[…] Phoneblocks (antoniomagni.wordpress.com) […]



Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

et cetera
%d bloggers like this: